JAMARR SANDERS: A TRIESTE LA GENTE TI FA SENTIRE A CASA

Posted by Francesco Freni Francesco Freni
    Options
A margine del consueto incontro con la stampa del mercoledì, abbiamo incontrato Jamarr Sanders per fargli alcune domande "alternative" sulla sua vita privata e questi primi mesi in città. L'ala/guardia americana è sempre molto disponibile, capisce quasi tutte le domande poste in italiano e tenta anche qualche risposta nella nostra lingua.

Sono passati quattro mesi dal tuo arrivo a Trieste, come ti trovi in città?
La città è bellissima, la gente è molto simpatica ed accogliente, tutti vogliono farmi sentire a casa e questa è la cosa che mi piace di più

Vivi da solo a Trieste?
Per il momento sì, ma fra un paio di settimane arriva qui la mia famiglia, arriveranno mia moglie e mia figlia, e sono felicissimo

Anche tua figlia giocherà a basket?
No, a basket no... farà il dottore

In cosa ritieni di essere più bravo sul campo?
Penso che la mia caratteristica sia quella di essere bravo a fare un po' di tutto

Ti vediamo sempre molto sorridente, sembri felice e sereno. E' proprio così?
Beh sì, il basket è la mia passione, mi piace giocare, per cui poterlo fare è qualcosa che mi fa sentire felice

Oltre al basket quali sono le tue passioni? Hai degli hobbies?
La mia passione è la famiglia. Adesso che siamo lontani ci chiamiamo ogni giorno e passiamo delle ore su FaceTime con mia moglie e mia figlia, con la piccola quando siamo insieme a casa passo il tempo giocando con lei.

Qual'è la cosa alla quale è stato più difficile abituarsi in Italia?
Senza dubbio la comunicazione, la lingua. Italiano ed inglese sono molto diverse, e questa è di gran lunga la cosa che mi ha presentato più difficoltà da quando sono qui. Per fortuna con il passare del tempo sono riuscito ad imparare un po' di italiano, se non altro riesco a capire qualcosa, e questo mi rende più facile comunicare con gli altri.

Anche il cibo è molto diverso...
Sì, per quanto mi riguarda mi piace di più il gusto delle pietanze americane alle quali sono abituato, ma senza dubbio la qualità qui è molto più alta, gli ingredienti sono sempre freschi, cosa che non accade negli USA

E a Trieste il cibo è diverso anche da quello che si trova nel resto d'Italia... hai provato il prosciutto cotto in crosta?
No, non mangio maiale...non è per questioni religiose, è semplicemente una scelta alimentare.

E i dolci li mangi?
Mi piace il tiramisù

E i dolci triestini? Hai assaggiato la putizza o il presnitz?
No, qui a Trieste però mi piacciono molto i gelati. Ed ho sentito parlare di queste famose palacinke che ogni venerdì qualcuno prepara per noi, ma non le ho ancora assaggiate, conto di farlo presto.

Jamarr se la ride, e come sempre di buon umore si unisce ai compagni per l'allenamento.